Un altro cialtrone?!?

Ma c’era proprio bisogno di un altro pistola che scrivesse ricette? Ce n’e’ in giro una miliardata, millanta per dirla col Boccaccio. E allora che c’e’ di nuovo? Una beneamata fava, per rimanere in tema alimentare. Ma visto che diversi hanno apprezzato, e una graziosa fanciulla (graziosa sulla fiducia, mai vista!) dal nome di dantesca memoria mi ha sollecitato la ricetta dei miei muffi (*), vabbe’, allora dai: sfrutto la centrale nucleare che, da buon informatico quale sono, ho in casa, fatta di servers routers switches trinken wasser panzer e tutte quelle robe li’, per uno scopo che non sia il gingillamento tecnico fine a se stesso, quell’onanismo del bit che molti miei colleghi praticano con autoreferenziale soddisfazione. E vedo di pubblicare ‘ste quattro fesserie di ricette, cercando di mettere quello che sempre mie’ mancato leggendo quelle altrui: l’essere semplici, dettagliate fin oltre lo scontato, e descrivere cosa NON fare durante l’esecuzione. Insomma, un manuale per dilettanti molto dilettanti, come me. Ah, e’ ovvio che le ricette non sono mie creazioni, ma dei bei copia semplifica e incolla, laddove il “semplifica” e’ la nobile arte tramandata dalla mia mamma che partendo dal gran fritto misto alla piemontese arrivava in tre passi alle patatine del sacchetto…convincendoti che era lo stesso.

(*) Lo so si chiamano muffin. Per i primi giorni. Se poi te li scordi chiusi da qualche parte diventano muffi. Fantasia? No. Quante volte in famiglia mi hanno detto “Buono buono fantastico bravissimo” e poi hanno abbandonato il frutto del mio lavoro in un angoletto? Preparatevi anche all’ingratitudine gastrica…

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami